Sessantananosecondi

60 nanosecondi, 100 all'ammore

Archivio 'Discorriamo di cinema'

4 opere prime che ti fanno esclamare "poffare!"

Discorriamo di cinema
la rubrica che non si fila messuno

Oggi parliamo di opere prime… quando un regista è davvero bravo lo si vede sin da dubito? Direi di sì…

Following

Alla fine dell’anno 2011 tutti conoscono Christopher Nolan, regista che sforna periodicamente pellicole sparaflesciose quanto complesse che fanno incassare ai produttori fantastiliardi di dollari. Leggi tutto…
postato da Herwig Carden Loyd in Discorriamo di cinema | Nessun commento

4 film che in Italia hanno dovuto lasciare spazio al cinepanettone di turno – Parte due

Discorriamo di cinema
rubrica finanziata da Uwe Boll

Ci eravamo lasciati con un cliffhanger (si scriverà così? Meibi…) da sverniciare il Lost delle prime stagioni. O forse no. Comunque, l’articolo non era ancora finito e adesso vi beccate il resto.

In alternativa, potete andare in basso a destra della pagina e giocare a Snake, come ai tempi delle medie.
Prima di concludere questo ciarpame di introduzione, volevo farvi notare che ci siamo adeguati all’inizio del grande fratello: adesso anche noi abbiamo la pubblicità.
Solo che noi siamo sciccosamente poveri.

Iniziamo. Leggi tutto…

postato da Herwig Carden Loyd in Discorriamo di cinema | 1 Commento

4 film che in Italia hanno dovuto lasciare spazio al cinepanettone di turno

 
 
Discorriamo di cinema
offerto da Filmauro
 
 
C’era una volta un paese famoso per il cibo, la malavita organizzata e il buon cinema.
Questa fiabesca landa si chiamava Germania.
 
No, forse mi sono sbagliato. Forse dovevo dire Italia. Fatto sta che il nostro paese, decennio dopo decennio, si sta stancamente involvendo a tal punto  da intaccare alcuni dei suoi capisaldi. Se spaghetti, pizza, mandolino, mafia, baffi e altri stereotipi che ci dipingono al mondo intero come una fusione a metà di Supermario e Tony Soprano (guarda caso personaggi partoriti all’estero) resistono alla grande, non lo stesso si può dire di quello che stava diventando il nuovo fiore all’occhiello dell’immagine italiana: il cinema.

La scoperta dell’acqua calda, starete pensando. Tutti sanno che in Italia più che i tristemente noti cinepanettoni e qualche altra commedia di livello altalenante non si fa (tranne, alcune, piacevoli eccezioni. E speriamo che questo spacchi davvero ) Scelte spinte dai botteghini, da quello che vuole la gente. 
 
Allora, forse, sono i gusti di merda il vero problema. Un clamoroso circolo vizioso del disgusto, merda che viene prodotta, mangiata e ancora prodotta. Facile, comodo, economico. Finchè a chi mangia va bene, perché smettere di produrre?
 
Nel corso degli anni, i distributori nostrani hanno operato scelte seguendo il precedente, e molto tecnico, discorso, lanciando allo sbaraglio alcuni titoli validi senza la minima promozione, salvo cancellarla dalla programmazione nel giro di una settimana scarsa.
 
Peggio ancora, alcuni titoli che le sale non le hanno viste neanche di striscio, accontentandosi di doppiaggi frettolosi da inserire nell’edizione nostrana del dvd di turno.
 
Ma cosa è andato perduto, nel corso degli anni?
 
Ecco una lista, in ordine sparso, di pellicole che alcuni appassionati conosceranno bene (non parlo di fregnacce sconosciute), ma che il grande pubblico ha ignorato senza pietà per i motivi di cui sopra. Leggi tutto…
postato da Herwig Carden Loyd in Discorriamo di cinema | Nessun commento