Sessantananosecondi

60 nanosecondi, 100 all'ammore

Quella droga chiamata The Phantom Pain

Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. A self made game

Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. A self made game

Nel 2000 o giù di lì il primo contatto con la saga: Metal Gear Solid. In ritardo.

E non mi è piaciuto.

E meno male, perchè ho in seguito divorato il suddetto titolo, giocato a tutti gli episodi seguenti, provato di striscio quelli per MSX e atteso spasmodicamente quello che da un paio di settimane è l’ultimo arrivato, ovvero Metal Gear Solid V: The Phantom Pain. Leggi tutto…

postato da Herwig Carden Loyd in Recensioni - Videoludica | 2 Commenti